TRAPIZZINO raddoppia a Torino

A poco più di un mese dall’apertura di Torino all’interno di Mercato Centrale a Porta Palazzo, Trapizzino raddoppia nel capoluogo piemontese: nasce Trapizzino – La Vineria. 

Lo street food romano ha scelto di fare subito il bis in una delle piazze più amate dai torinesi: piazza Carlo Emanuele II, meglio conosciuta come piazza Carlina, sede nel 1700 del mercato del vino.

Trapizzino Doppia Panna e Alici

Qui Trapizzino inaugura un nuovo locale con enoteca. Come già fatto a Roma con il locale a Trastevere, ma in uno spazio completamente diverso per dimensioni e stile: soffitti alti 7 metri con stucchi, affreschi sulla volta e grandi vetrate con affaccio sulla piazza. Una location che rispecchia le due anime di Trapizzino: una bottega con vineria.

IL TRAPIZZINO

Trapizzino si presenta ai torinesi con le sue classiche ricette. Ogni giorno, 5 gusti classici e 3 gusti del giorno a rotazione tra le 30 ricette che compongono la proposta del Trapizzino: dal pollo alla cacciatora alla coda alla vaccinara, senza dimenticare la Parmigiana di melanzane e il doppia panna e alici.

Trapizzino con Lingua e con Trippa

Inoltre per questa sede di piazza Carlina, Trapizzino ha in serbo una novità: incursioni di chef e produttori che proporranno Trapizzini con farciture espresse.  Come Il Trapizzino Torino-Roma di Stefano Callegari con salsiccia di Bra, tuorlo, pepe e Castelmagno, e il Trapizzino con le ostriche nell’interpretazione di Corrado Tenace.

Non mancherà il supplì, lo sfizio romano della cucina di strada del passato. A rotazione, dal classico supplì al telefono al famoso supplì al tortellino, e poi supplì all’amatriciana, supplì porri e taleggio, supplì cacio e pepe, supplì al sugo di melanzane e altre proposte ancora.

Per concludere, il Dolce Trapizzino Triplo Cioccolato: come una sacher con il ripieno del cunese, pan di spagna al cioccolato, ganache al rhum, ricoperta di cioccolato fondente croccante; servito anche al piatto con gelato.

Dolce Trapizzino Triplo Cioccolato

LA VINERIA

Accanto al Trapizzino, la Vineria.

Una Carta dei Vini con oltre 120 etichette selezionate da Paul Pansera: proposte italiane con presenze di Champagne e un’attenzione particolare al Piemonte, regione a cui è dedicata una sezione della carta. Accanto alle etichette storiche, sarà possibile trovare bottiglie espressione di molte realtà del territorio.

Si accompagna una proposta di Cocktail fatta di grandi classici: miscelati, non shakerati. Gin tonic, Martini e un omaggio al Vermouth, istituzione torinese, con il Vermouth Del Professore Riserva Speciale Trapizzino. Una riserva speciale in edizione limitata, prodotta a partire da una esclusiva ricetta Del Professore, dedicata al famoso angolo di pizza farcito, in un connubio che celebra eccellenza ed intraprendenza dell’artigianalità italiana.

La Vineria a Torino

Un progetto che ormai ha quasi 15 anni quello del Trapizzino. È il 2005 e Stefano Callegari ha aperto una pizzeria al taglio a Testaccio. Già il nome è un programma: 00100, codice postale di Roma e insieme omaggio alla farina doppio zero.

Golosità, tecnica e fantasia aiutano a fare il passo che lo porta dalla pizza al taglio a un’invenzione guidata da un obiettivo giocoso: la scarpetta da asporto. O meglio, prendere il gusto che solo la scarpetta di un sugo di casa sa dare, unirlo a una pizza che fosse capace di ospitarla. Da qui, il Trapizzino.

Trapizzino ‘Torino-Roma’ di Stefano Callegari

E così, il Trapizzino e Stefano Callegari riescono nell’impresa di portare una pizzeria al taglio nelle guide gastronomiche. Il Trapizzino spicca il volo e nel 2013 si rende autonomo da 00100 pizza per diventare un marchio autonomo con l’incontro tra Stefano Callegari e Paul Pansera. Innamorato del prodotto, sogna di farlo conoscere in tutto il mondo. Ci ha messo poco a convincere Stefano che si tratta di un sogno possibile.

Insieme, Stefano e Paul hanno portato Trapizzino in Italia e nel mondo: oggi il brand è presente a Roma con 6 sedi – oltre a Latina e Ladispoli – e a Firenze, Milano, Trieste, Torino e New York.

Trapizzino in Piazza San Carlo a Torino

L’inizio di una storia nata dalla voglia di avvicinare i più giovani alla cucina di una volta, non quella dei piatti veloci ma quella dei tempi e dei modi giusti, del ‘ci vuole il tempo che ci vuole’ e dell’amore per la scelta delle materie prime.

Very Food Confidential!

Articoli Correlati