LE RICETTE VEGMED: Minestra di carciofi e fregola

Con il termine VEGMEDITERRANEOnella sua contrazione VEGMED, si identifica una cucina vegetariana e vegana fondata sul modello alimentare mediterraneo. I piatti sono preparati con ingredienti semplici, genuini e disponibili nell’area mediterranea, favorendo così il consumo di prodotti tipici del territorio e a km 0.

Lo stile VegMediterraneo stimola e incentiva la convivialità a tavola tra vegetariani, vegani e onnivori; difende le tradizioni culinarie italiane e del bacino mediterraneo la cui cultura alimentare si antepone al consumo di prodotti “esotici” come il tofu, il seitan, la quinoa e altri ancora; facilita il rinnovo quotidiano della scelta vegetariana. Infine rivaluta la vera Dieta Mediterranea (riconosciuta dall’UNESCO Patrimonio Immateriale dell’Umanità), quella degli Anni ’50, per lo più vegetariana poiché il consumo di carne e di pesce era occasionale.

Lo stile VegMediterraneo è in continua evoluzione, oltre ai piatti vegetariani e vegani della tradizione,  si possono creare una infinità di piatti gustosi, sfiziosi e nutrienti: è la fusione creativa  della tradizione con l’innovazione che ogni giorno si compone in nuovi piatti sani e gradevoli a tutti!

Ho sviluppato il progetto VegMediterraneo con l’intento di riportare il focus sulla tradizione culinaria italiana in ambito vegetariano e vegano. Troppo spesso l’alimentazione vegetariana, ma soprattutto quella vegana, è associata a qualcosa di alieno rispetto all’alimentazione convenzionale. La differenza dei piatti qui proposti è data dall’assenza di carne e di pesce nella dieta vegetariana, e di miele, uova, latte e derivati in quella vegani, mantenendo un carattere tradizional-mediterraneo.

Tra i piatti più famosi e totalmente cruelty free troviamo: la caponata, i carciofi alla romana, la ribollita, la pappa al pomodoro, i  pomodori di riso, la pasta all’arrabbiata, il risotto ai funghi… e ancora tantissimi altri.

In questa rubrica, dunque, verranno proposti piatti regionali in versione originale,  rivisitati in chiave cruelty free, nuove composizioni con prodotti locali e, occasionalmente, verrano impiegati quei prodotti esotici che troviamo facilmente al supermercato con uno spirito di apertura verso un’intercultura  culinaria, figlia di una società sempre più multietnica.

Inoltre i piatti proposti sono facili e veloci da replicare quotidianamente o in occasione di eventi importanti, in quanto oltre che piacevoli al palato, sono gradevoli alla vista.

Infine, ogni forma di estremismo è estranea allo stile VegMediterraneo, poiché  promuove la convivialità a 360°, la difesa degli animali e dell’ambiente; il mood che lo accompagna è rasserenante e di non violenza!

 

OGGI PARTIAMO CON LA PRIMA RICETTA VEGMED!

MINESTRA DI CARCIOFI E FREGOLA (ricetta vegana)

La minestra di carciofi e fregola è un primo piatto sardo tipico campidanese, semplice ma squisito dal gusto amarognolo conferitogli dal carciofo, soprattutto quello con le spine. Ottima anche con le altre varietà di carciofi.

Preparazione: 20 minuti

Cottura: 40 minuti

Difficoltà: bassa

 

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

200 gr. di fregola o di pasta da minestra (ditalini, spaghetti spezzati)

4 carciofi

2 patate medie

2 grossi pomodori maturi

una cipolla

1 spicchio di aglio

olio extravergine di oliva

sale

Pelate le patate e tagliatele a dadini. Pulite i carciofi e tagliateli a fettine di circa 1,5 cm. Tritate finemente una cipolla media e fatela imbiondire con un po’ d’olio, aggiungete l’aglio intero e le patate e rosolate per due minuti.

Ora aggiungete i carciofi, i pomodori spellati e tagliati a dadini e rosolate ancora per alcuni minuti.

Aggiungete un litro d’acqua e fate cuocere per 30 minuti circa, quindi versate la fregola e fatela cuocere seguendo le indicazioni riportate sulla confezione.

Aggiustate di sale eservite caldo.

 

La ricetta è tratta dal libro “La Cucina Mediterranea del Bel Paese: l’Italia vegetariana e vegana”.

Il libro ospita 106 ricette vegetariane e vegane rigorosamente appartenenti alla cucina mediterranea. I piatti sono facili e veloci da eseguire, facilmente reperibili e indicati per chi ha poco tempo da trascorrere in cucina.

Fabiola Dessìhttp://www.fabioladessi.it
"Nasco e vivo in Sardegna fino al 2000. Oggi mi divido tra l’Umbria, dove vivo, e Roma, sede della mia attività principale. Da oltre 25 anni mi occupo di Rebirthing/Breathwork, una delle pratiche più interessanti della medicina olistica la cui tecnica si basa sul respiro consapevole. Con l’introduzione della meditazione e del Rebirthing nella mia vita, ho sentito una naturale e graduale esigenza di abbandonare il consumo di carne e, in seguito, di pesce fino a prediligere i piatti cruelty free. La passione per la buona cucina mi ha portata a scovare i piatti, senza carne e pesce ma anche senza uova e latticini, della nostra tradizione. Durante il viaggio di scoperta ho cucinato tante semplici, veloci nonché gustose ricette che ho raccolto nel mio libro La Cucina Mediterranea del Bel Paese: l’Italia Vegetariana e Vegana. Perché l’ho fatto? Perché amo mangiare in compagnia a prescindere dal credo alimentare di ognuno!"

Articoli Correlati