OLIOE20: il ciclo di eventi sull’extravergine italiano

Parte da Roma OLIOE20, il ciclo di eventi dedicati all’extravergine italiano. Cooking show ed Evo Tasting condotti dal Gambero Rosso, per la campagna di comunicazione sul settore olivicolo-oleario targata Mipaaf-Ismea.

Si è tenuto dal vivo il 12 ottobre presso la sede del Gambero Rosso e sarà trasmesso integralmente on line, da sabato 17 ottobre alle ore 16,00 sulla web tv del Gambero Rosso, il primo dei 4 eventi che mirano a promuovere la conoscenza del patrimonio olivicolo-oleario italiano di qualità. Protagonisti a Roma gli oli evo del Lazio, in un cooking show dello chef e talent tv Giorgione e nell’Evo tasting condotto da Indra Galbo, esperto assaggiatore del Gambero Rosso.

È possibile costruire gradualmente attorno all’olio di qualità quell’appeal che il mondo del vino ha da tempo conquistato, per accrescere la curiosità e la conoscenza del consumatore? La campagna “Olio su tavola. I Capolavori dell’extravergine” promossa dal Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali e realizzata dall’ Ismea – Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare – ha proprio quest’obiettivo.

Lanciata nel 2019, ha giocato su più fronti: da una serie web interpretata dal giovane chef influencer Lucake, che ha superato su youtube e facebook le 200.000 visualizzazioni, agli eventi e degustazioni guidate sul territorio (presso Fico a Bologna, Fiera del tartufo d’Alba, Fieragricola a Verona) all’accostamento con il patrimonio artistico su cui si fonda la creatività della campagna e lo spot che vedremo presto on air, sino al connubio con il mondo sportivo, che vedrà presto atleti di diverse discipline olimpiche farsi ambasciatori degli oli del loro territorio.

A Roma, presso la Città del Gusto del Gambero Rosso, il talent tv Giorgione (Giorgio Barchiesi) e l’esperto degustatore Indra Galbo hanno guidato un “team” di giornalisti e foodblogger nel primo di quattro appuntamenti in altrettante regioni. Un evento, quello romano, alla scoperta di alcuni extravergine di qualità del Lazio, in un cooking show che ha visto la preparazione delle due ricette “Maltagliati ai broccoletti” e “Merluzzo alla romana con maionese” con alla base un olio Tuscia Dop e un olio Sabina Dop, in una degustazione che ha visto protagonista anche il Colline Pontine Dop.

Nel Lazio, oltre agli oli evo sopracitati, si distingue anche il Canino Dop, che contribuisce all’inestimabile patrimonio nazionale di 48 oli evo Dop e Igp (più di ogni altro Paese nel mondo) e di oltre 500 qualità di cultivar. Per non parlare poi dei blend e monovarietali di altissima qualità, prodotti da aziende d’eccellenza nel territorio laziale.

Un quadro, quello dell’olio extravergine di oliva, che vede l’Italia essere il primo consumatore di olio al mondo e al secondo posto per produzione ed export.

Nonostante sia uno degli alimenti più consumati in Italia, un vero e proprio pilastro della dieta mediterranea, l’olio Evo è però poco conosciuto dal consumatore, che spesso di fronte allo scaffale del supermercato fatica a trovare elementi che possano guidare il suo processo di scelta. Come emerge dalle indagini condotte da Ismea, permane un’abitudine a un gusto piatto, che spinge, erroneamente, a giudicare in modo negativo le tipologie di olio amare e piccanti, oltre a una serie di errate convinzioni sul rapporto tra colore e qualità.

Quanti sanno distinguere poi i difetti di un olio? E quanti sanno che un fruttato intenso si sposa benissimo con una zuppa di lenticchie ma male con un piatto di spaghetti alle vongole, che richiede un fruttato leggero? Sono solo alcuni dei temi a rontati dalla kermesse “OLIOE20”.

I 48 OLI EVO DOP e IGP ITALIANI

ABRUZZO

  • Aprutino Pescarese D.O.P.
  • Colline Teatine D.O.P.
  • Pretuziano delle Colline Teramane D.O.P.

BASILICATA

  • VultureD.O.P.
  • Olio Lucano I.G.P.

CALABRIA

  • Olio di Calabria I.G.P.
  • Bruzio D.O.P.
  • Lamezia D.O.P.
  • Alto Crotonese D.O.P.

CAMPANIA

  • Colline Salernitane D.O.P.
  • Cilento D.O.P.
  • Penisola Sorrentina D.O.P.
  • Irpinia – Colline dell’Ufita D.O.P.
  • Terre Aurunche D.O.P.

EMILIA ROMAGNA

  • Brisighella D.O.P.
  • Colline di Romagna D.O.P.

FRIULI VENEZIA GIULIA

  • Tergeste D.O.P.

LAZIO

  • Sabina D.O.P.
  • Canino D.O.P.
  • Tuscia D.O.P.
  • Colline Pontine D.O.P.

LIGURIA

  • Riviera Ligure D.O.P.

LOMBARDIA

  • Garda D.O.P. Bresciano (gli areali di produzione del Garda dop sono presenti su tre regioni)
  • Laghi Lombardi D.O.P.

MARCHE

  • Cartoceto D.O.P.
  • Marche I.G.P.

MOLISE

  • Molise D.O.P.

PUGLIA

  • Terra di Bari D.O.P
  • Dauno D.O.P.
  • Collina di Brindisi D.O.P.
  • Terra d’Otranto D.O.P.
  • Terre Tarentine D.O.P.
  • Olio di Puglia I.G.P.

SARDEGNA

  • Sardegna D.O.P.

SICILIA

  • Val di Mazara D.O.P.
  • Sicilia I.G.P.
  • Valli Trapanesi D.O.P.
  • Monti Iblei D.O.P.
  • Valle del Belice D.O.P.
  • Monte Etna D.O.P.
  • Valdemone D.O.P.

TOSCANA

  • Toscano I.G.P.
  • Chianti Classico D.O.P.
  • Terre di Siena D.O.P.
  • Seggiano D.O.P.
  • Lucca D.O.P.

TRENTINO

  • Garda D.O.P. – Trentino (gli areali di produzione del Garda dop sono presenti su tre regioni)

UMBRIA

  • Umbria D.O.P.

VENETO

  • Garda D.O.P. – Orientale (gli areali di produzione del Garda dop sono presenti su tre regioni)
  • Veneto Valpolicella
  • Veneto Euganei e Berici
  • Veneto del Grappa D.O.P.

 

Very Food Confidential.

Articoli Correlati