SICILIA. Pane e Panelle – Le Ricette di Rossella

Se sei stato almeno una volta a Palermo non puoi non conoscere Pane e Panelle, emblema degli emblemi del cibo di strada. Una vera è propria istituzione; così diffusa che non trovarla è impossibile, specialmente nei mercati del centro e a Mondello.

La storia di questa fragrante leccornia è antichissima, infatti ha più di mille anni e, l’origine è da attribuire ai dominatori della Sicilia giunti tra il IX e l’XI secolo da Oriente, gli arabi che, influenzeranno tantissimo i gusti, l’arte e le abitudini sicule.

Photo by Luciano Bonetti

Cibo antichissimo; gustoso e povero al tempo stesso che in passato sfamava il popolino e che, personaggi di grande spessore come Pirandello, Sciascia, Guttuso, ma anche grandi personaggi della politica internazionale, degustandolo, hanno definitivamente abbattuto qualsiasi barriera sociale.

Ecco che nel tempo, la Panella è diventata una vera prelibatezza alla quale nessuno, ma proprio nessuno, può resistere.

La farina di ceci è l’ingrediente di base; i panellari di strada la cuociono in acqua bollente fino a formare una polenta che viene spalmata e messa a raffreddare su dei quadratini di legno, quindi poi staccati e frittiin abbondante olio bollente. Le panelle sono buone anche da sole, calde e dorate ma, l’abitudine è quella di servirle nel  tipico panino palermitano con il sesamo, la mafalda o muffoletta.

Consumare questa prelibatezza nei mercati di Palermo sarebbe l’ideale; circondati da piramidi di spezie colorateesposte assieme a piramidi di dolci e di frutta secca e fresca, cloratissime ed evocative  –  proprio come nei Suk arabi- tra le voci dei venditori ambulanti e direttamente da uno dei caratteristici banchetti provvisti di fornello e casseruola colma di olio bollente utilizzato per la frittura.

Con pochi e semplici  ingredienti ed un poco di fantasia, si può riprodurre la stessa magia a casa propria,  e io sono qui per suggerirvi la ricetta.

Photo by Luciano Bonetti

 

PANE E PANELLE

Ricetta per 6 persone

Tempo di preparazione: 10 minuti

Tempo di cottura: 20 minuti

Difficoltà: bassa

 

INGREDIENTI

400 gr di farina di ceci

1 l d’acqua

Sale q.b.

Olio di arachidi per friggere

Succo di limone a piacere

Photo by Luciano Bonetti

Con la premuradi non far formare grumi, in una casseruola ho fatto sciogliere a freddo la farina di ceci in un litro d’acqua salata.

Photo by Luciano Bonetti

Ho aggiunto un po’ di pepe e ho mescolato portando la casseruola sul fuoco per 15 minuti, fino a quando l’impasto ha iniziato a staccarsi dai bordi della pentola.

Ho poi versato velocemente il composto di ceci sulla superficie liscia e bagnata di una tavola di legno, spianandolo il più possibile con una spatola fino a renderlo molto sottile.

Photo by Luciano Bonetti

Una volta raffreddato tutto, ho iniziato a tagliare in quadrati di pasta che successivamente ho fatto friggere in abbondante olio di arachidi.

Photo by Luciano Bonetti

Come dicevo sono buone anche così, calde e dorate, ma la tradizione prevede che con le Panelle vi si farciscano dei morbidi panini al sesamo completati con una spruzzatina di succo di limone, come fanno i panellari appena prima di servirti la magia Palermo in un boccone.

Rossella Montolo
Vivo a Napoli e ho girato il mondo come backstage manager seguendo concerti e manifestazioni di musica italiana e internazionale. Eugenio Bennato, Enzo Avitabile, Lino Cannavacciuolo, Simple Minds sono solo alcuni degli artisti che ho incontrato. In tanti hanno partecipato ad una o più della mie cene dopo concerto. Viaggiare mi ha permesso di scoprire territori, prodotti e ricette di grandi cuochi e massaie. Oggi le mie videoricette sono su Videometrò, circuito televisivo che intrattiene i viaggiatori di funicolari e metropolitana di Napoli.

Articoli Correlati