EGOMA: dal Giappone arriva il glocal superfood

L’Egoma o Perilla Frutescens, una pianta annuale della famiglia della menta (Lamiaceae), tipicamente coltivata nel sud est asiatico. Ha le foglie simili a quelle del basilico, ma l’Egoma è molto di più.

egoma

Pianta Glocal, perché facilmente adattabile a diversi climi e territori, l’Egoma è considerata un superfood: è talmente ricca di valori nutrizionali da essere considerata una vera e propria fonte di longevità. Il suo nome originale, “jyuunin” in lingua giapponese, vuol dire letteralmente dieci anni, perché considerata una pianta capace di allungare la vita di dieci anni. Anche se l’uso culinario e medicamentoso dell’Egoma in Giappone si perde nella notte dei tempi, negli ultimi anni i reali benefici che può apportare il consumo di questa pianta sono stati dimostrati scientificamente, anche da studi condotti in Italia, non ultimo quello condotto presso l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo.

egoma

Da queste evidenze nasce il progetto “Global Perilla Network”, presentato questo 29 gennaio a Milano, presso il FARM65 (Alsazia Naviglio Pavese, 260) grazie alla collaborazione tra la Città di Toyama, GEN (Genuine Education Network) e Food Confidential fortemente voluto dalla città giapponese di Toyama che, a seguito delle previsioni che vedono il Giappone nel 2025 il paese con il maggior numero di anziani, vole porsi come prima città ederly-friendly. Speiga il sindaco di Toyama Masashi Mori: “il progetto Global Perilla Network nasce per globalizzare le colture e creare una rete di sostegno per gli chi fa innovazione e impresa nel settore del food e del suo indotto, dagli chef ai ristoratori, dai produttori alle aziende”.

La Città di Toyama ha incaricato il Genuine Education Network, fondato da Yukako Saito di portare avanti il progetto Glocal Perilla Network. A questo progetto prenderanno parte INNOVHUB, Azienda Speciale della Camera di Commercio di Milano, che cura la preparazione di una miscela di olio di egoma e di olio extravergine di oliva, che risulta nutrizionalmente bilanciata. Come ha spiegato Paolo Bondioli (senior scientist a Innovhub), l’olio di egoma è ricco di acido linoleico ma sbilanciato in termini di acido oleico e polifenoli, che invece abbondano nell’olio extravergine di oliva.

egoma

E la chef stellata Cristina Bowerman che ha creato una ricetta ad hoc “Il Carciofo di Lunga Vita”: Per me è un grande onore poter lavorare per prima su un prodotto che in Italia non è ancora facilmente reperibile – ha dichiarato la Chef – Inoltre potermi muovere tra la mia tradizione e nuovi ingredienti appartiene da sempre al mio DNA. Quello che normalmente faccio, come in questo caso, non è un’aggiunta o una sostituzione. È prendere una ricetta tradizionale e introdurvi un ingrediente straniero come se questo fosse sempre appartenuto a quel piatto.”

L’obiettivo del progetto è tutelare e diffondere la cultura culinaria giapponese e introdurre queste antiche usanze anche nelle famiglie italiane.

 

Articoli Correlati