Birra artigianale. Arriva BIRRA GOURMET

Seconda puntata, secondo giro di conversazioni con i birrifici protagonisti di BIRRA GOURMET Taste of Excellence, l’evento dedicato alla birra artigianale, organizzato da Excellence Magazine in collaborazione con Food Confidential, domenica 22 e lunedì 23 maggio all’Opificio Romaeuropa in Via dei Magazzini Generali 20/a, a Roma.

 

TrollBIRRIFICIO TROLL. In Piemonte, in Val Grande a Vernante nasce nel 2003 il Birrificio Troll grazie ad Alberto Canavese. Fulminante per lui sarà la tradizione brassicola del Belgio, dove studia a lungo e capisce che la birra non è solo pura passione. Da qui le prime birre artigianali ad alta fermentazione, il Brew Pub Troll – birreria e ristorante – e il Birrificio Troll.

 

 

 

Birra del BorgoBIRRA DEL BORGO. “Emozioniamo la birra dal 2005” …anno in cui Leonardo Di Vincenzo fonda Birra del Borgo a Borgorose, al confine tra Lazio e Abruzzo. Lo stile è ‘influenzato’ dalle culture brassicole a lui più care – ovvero quella inglese e belga – mentre la produzione spazia dalle Classiche alle Stagionali, che si adattano particolarmente ai mesi per i quali sono state pensate ma buone da bere anche tutto l’anno, fino alle Bizzarre, birre originali e sperimentali per definizione.

 

Bai

BIRRA BAI. Dal chicco alla bottiglia! La Società Agricola Meonia coltiva direttamente l’orzo nelle campagne della Tuscia Viterbese, per portare avanti un progetto di vera birra artigianale a 360 gradi: BAI – Birra Artigianale Italiana. Dalla lavorazione a fuoco vivo, durante la quale si mescola il malto a mano con mestolo di faggio, fino alla maturazione effettuata in ambienti a temperatura controllata…

 

 

FOOD CONFIDENTIAL (FC): Possiamo finalmente affermare che sono maturati i tempi perché la birra artigianale esploda come vera e propria tendenza e moda?

BIRRA DEL BORGO / Fabio Gentile Beh, la birra artigianale è esplosa come vera e propria tendenza e moda già da qualche anno, quello che stupisce è come il fenomeno abbia assunto in breve tempo diverse forme e declinazioni. Ad esempio il fenomeno delle Beer Firm, che permette di produrre senza avere l’impianto, sta crescendo prepotentemente.

FC: Questo fa sì che anche l’offerta stia crescendo esponenzialmente… Voi come intendete distinguervi?

BIRRA DEL BORGO / Fabio Gentile Sì, oggi il settore è diventato molto competitivo. Per questo abbiamo scelto di fare un ulteriore passo in avanti legandoci ad un grande gruppo, per continuare a produrre prodotti dal carattere distintivo sfruttando importanti risorse tecnologiche e scientifiche. Vogliamo andare avanti in modo sostenibile, restando fedeli alla nostra identità e alla filosofia che abbiamo sempre seguito. I nostri consumatori vivranno una nuova esperienza di Birra del Borgo, sempre ispirata alla qualità e alla costanza, soltanto più all’avanguardia.

BIRRA BAI / Paolo Scafati In effetti, noi siamo uno dei pochissimi birrifici che lavorano ancora in modo completamente artigianale. Ci siamo costruiti da soli tutto l’impianto e tutte le componenti. La lavorazione della birra avviene senza controlli numerici e gli step di lavorazione sono gestiti direttamente da noi. Non dimentichiamo che siamo un Birrificio Agricolo quindi usiamo per grandissima parte i nostri malti.

BIRRIFICIO TROLL / Alberto Canavese Innanzi tutto ci distinguiamo grazie all’immagine. Per noi l’etichetta ha un’unicità visiva inconfondibile. Ma la vera peculiarità è nella grande caratterizzazione delle birre. Il “nomignolo” di birrificio più speziato d’Italia calza a pennello alla nostra produzione, che garantisce birre di alta qualità e ricercatezza, mai banali e tutte con un’impronta unica. 

FC: Quanto credete negli abbinamenti birra artigianale e food?

BIRRIFICIO TROLL / Alberto Canavese Tantissimo e da sempre. Nel nostro locale storico, il “Brew Pub Troll” di Vernante, siamo arrivati ad un menù degustazione che sommelier e degustatori definiscono semplicemente eccezionale. Abbiamo costruito ricette per piatti alla birra e viceversa abbiamo fabbricato birre che trovassero il giusto posto nell’essere abbinate a piatti che non potevano essere modificati.

BIRRA BAI / Paolo Scafati Dico solo che il nostro primo approccio al mercato si è rivolto principalmente a ristoranti, trattorie e food in genere, per approdare solo dopo al locale da aperitivo e altro.

BIRRA DEL BORGO / Fabio Gentile Il lavoro del birraio è molto vicino a quello del cuoco, entrambi selezionano le materie prime adeguandole alle loro necessità e seguono la propria personale ricetta. Birra e food richiamano entrambi alla socialità e alla convivialità, crediamo molto nel loro abbinamento in questo senso. Quello che ha funzionato davvero poco in questi anni è stato invece il tentativo di fare entrare la birra nel mondo dell’alta cucina, quella d’autore. Noi, nell’ottica di differenziarci, stiamo facendo decollare un progetto che si chiamerà “CHEF BIZZARRI” e che entrerà nelle cucine più o meno famose, di Roma e d’Italia, per giocare a raccontare la birra nella sua interpretazione “gourmet”.

FC: C’è possibilità di confronto tra mondo della birra artigianale e mondo del vino?

BIRRIFICIO TROLL / Alberto Canavese Birra e vino sono due bevande “nobili”. L’una e l’altro hanno una storia plurimillenaria chi più (la birra) chi meno (il vino). Entrambi hanno un passato importante e carico di richiami storici e ricerche per migliorare il prodotto finale. Confrontarle è difficile, quello che è certo è che hanno approcci molto differenti sia nell’utilizzo quotidiano sia nell’abbinamento con i cibi. Credo fermamente in una coesistenza regolata da questo approccio differenziale.

BIRRA DEL BORGO / Fabio Gentile Sia il mondo del vino sia quello della birra spesso peccano di chiusura e di autoreferenzialità, per questo spesso risulta difficile uno scambio. È anche vero che il mondo della birra artigianale è – diciamo – “allergico” a disciplinari e regole, proprio come quello dei vini (naturali) nel quale i produttori spesso realizzano prodotti in totale libertà, nonostante siano territorialmente all’interno di denominazioni. Questa “allergia” alle regole favorisce la nascita di prodotti che sono prova di creatività straordinaria. In questo senso secondo noi possono nascere un dialogo e un confronto interessanti tra vino e birra.

BIRRA BAI / Paolo Scafati Sicuramente sì, c’è possibilità di confronto. Tanto che che sempre più spesso viene apprezzata la birra anche in ristorazione.

FC: È verosimile pensare di fare avvicinare gli appassionati di vino alla birra artigianale?

BIRRA BAI / Paolo Scafati Sono molto ottimista, direi proprio di sì.

BIRRIFICIO TROLL / Alberto Canavese Escluso situazioni stereotipate… assolutamente sì. Entrambe le bevande hanno, come dicevo, una storia importante alle spalle, sono entrambe diversificate e complesse, trovano entrambe posto su di un tavolo pronto per il pasto, come su di uno approntato per semplice convivialità. Per l’avventore scevro di pregiudizi, anche storici, l’approccio non può essere diverso e la curiosità per un bicchiere di buon vino è la stessa per un sorso di buona birra.

BIRRA DEL BORGO / Fabio Gentile Noi ci stiamo provando ad avvicinare gli appassionati di vino alla birra. Per questo abbiamo realizzato due prodotti, “L’equilibrista” e la “Caos”, che nel gusto e nel profumo raccontano proprio del colpo di fulmine tra vino e birra, cercando un equilibrio tra i due mondi. In questa bottiglia il mosto di vino della Tenuta di Bibbiano (40%) e il mosto di birra della nostra Duchessa (60%) fermentano insieme felicemente, imbottigliati a settembre, durante la vendemmia. L’incontro tra vino e birra può avvenire più sul piano tecnico che su quello filosofico: alcune tipologie di birra artigianale invecchiano come il vino; alcuni produttori imbottigliano piccole rarità e le presentano con annate in etichetta come i viticoltori, il famoso discorso del millesimo; e ancora, esattamente come avviene per i vini, ci sono alcune birre che affinano nei legni. Per concludere possiamo dire che vino e birra sono due mondi affascinanti difficili da incasellare e da ricondurre a regole, due mondi che coprono e appagano tanto dei nostri sensi, in questo si somigliano molto.

 

BIRRA GOURMET

www.borragourmet.it

DOMENICA 22 MAGGIO 2016 dalle 12:00 alle 21:00

LUNEDÌ 23 MAGGIO 2016 dalle 12:00 alle 19:00

OPIFICIO ROMAEUROPA Roma, Via dei Magazzini Generali, 20/A (Ostiense)

Articoli Correlati