Spiedini agrodolci per barbecue e grigliate: I LOVE BBQ

[dropcap size=small]Q[/dropcap]ualche giorno fa ho condiviso su queste pagine 8 utili dritte per approntare un perfetto barbecue nella Mini guida per Barbecue e Cookout USA Style: I LOVE BBQ che in vista del clima estivo, potranno rendere ancora più piacevoli le giornate all’aperto in compagnia di amici e famiglia con gustosi cibi cotti alla brace. Oggi mettiamo in pratica quei consigli, per preparare dei deliziosi spiedini agrodolci molto estivi da cuocere sulla griglia.

Facilissimi da preparare e divertenti da mangiare, questi spiedini di carne, che però includono anche verdure e frutta, costituiscono un comodo piatto unico di grande successo anche fra i più piccini!

Per questa ricetta ho adoperato la carne di manzo, che resta ben al sangue e non ha bisogno di lunghe cotture, come invece il pollame e il maiale. Per chi volesse sperimentare con la carne di vitello, può adoperare lo scamone oppure il filetto di vitellone, a patto che sia magro e senza nervature.

[divider]Spiedini agrodolci[/divider]

Ingredienti per 8 spiedini

8 spiedi d’acciaio
Barbecue a carbonella con coperchio
700 g controfiletto di manzo magro, tagliato a dadi di circa 2 cm
4 pesche, denocciolate e tagliate in 4 spicchi ciascuna (non sbucciate)
16 pomodori Piccadilly
2 cipolle rosse, tagliate ciascuna in 8 spicchi
Sale marino e pepe nero macinato
250 ml miele
100 ml aceto balsamico

Preparazione

Fate partire la carbonella con largo anticipo, sistemandola in piano sul fondo del barbecue. Io non uso liquidi infiammabili, perché lasciano sempre uno strano sapore sui cibi. Per avviare le fiamme, usate invece fogli di giornale appallottolati sul fondo della carbonella, rametti secchi o legnetti riciclati, come ad esempio una cassetta della frutta fatta a pezzi. L’importante è che la legna sia sempre asciutta, altrimenti farà fumo e non prenderà fuoco.

Togliete la carne e verdure dal frigo 30 minuti prima di cuocere, per portare a temperatura ambiente.

Ungete appena gli spiedi d’acciaio e infilzate in quest’ordine gli ingredienti lasciando un centimetro di spazio fra un elemento e l’altro: spicchio di cipolla – cubo di carne – spicchio di pesca – pomodoro per lungo, e ripetete per riempire lo spiedo. Fate lo stesso per tutti e 8 gli spiedi, e condite poi con sale e pepe.  Se non avete gli spiedi d’acciaio e usate invece quelli in legno o bambù, ricordate di metterli in ammollo nell’acqua fredda per una trentina di minuti, per renderli ignifughi.

Fate sciogliere il miele nell’aceto. Se il vostro miele è biologico come il mio, quindi solido e cristallizzato, mettetelo sul fuoco con l’aceto in un pentolino per qualche secondo, ma occhio a non far bollire la miscela, altrimenti l’aceto diventa troppo sciropposo.

Saprete se la brace sarà pronta quando la carbonella sarà coperta da una spessa patina grigia e sarà invece incandescente all’interno. Questo è il grado di temperatura adatto per incominciare a cuocere sulla griglia!

Grigliate gli spiedini con il coperchio del barbecue abbassato, per circa 4 minuti per lato.

Aprite ora il coperchio e spennellate gli spiedini con metà della salsa agrodolce, lasciate cuocere 2 minuti, poi girate gli spiedini agrodolci, spennellate con la rimanente salsa e finite la cottura (altri 2-3 minuti, non di più).

Le verdure e frutta dovrebbero restare croccanti e ben caramellate ai bordi. Le birre ghiacciate e equipaggiate con uno spicchio di lime conficcato nel collo della bottiglia.

Se avanza spazio sulla griglia perché non arrostirvi anche un paio di pannocchie di mais?

Eleonora Baldwin per Food Confidential  @passerotto |www.aglioolioepeperoncino.com

Articoli Correlati