I CENTO ROMA: i migliori ristoranti e trattorie del 2020

Presentata ‘I Cento di Roma’ 2020, la guida che racconta i migliori ristoranti e trattorie della città. Quest’anno, per la settima edizione, sul gradino più alto: Il Pagliaccio (miglior ristorante) e Trattoria L’Avvolgibile (miglior trattoria).

I 100 locali recensiti sono divisi in due sezioni: i cinquanta migliori ristoranti (TOP) per le grandi occasioni – ordinati in classifica – a cui seguono le recensioni di cinquanta ottime trattorie (POP), soste popolari, adatte a chi mangia fuori tutti i giorni. In questa edizione della guida si contano 24 nuovi indirizzi segnalati, 10 TOP e 14 POP.

Tutte le mete raccolte nella sezione ‘trattorie’ hanno in comune una fascia di prezzo, al di sotto di 40 euro (prezzo medio calcolato su tre portate, bevande escluse), ma comprendono cucine molto diverse: da quella orientale alla pizzeria (di qualità), dall’osteria fino al bistrot.

SEZIONE TOP – I cinquanta migliori ristoranti

“Non è un’impresa facile stilare una lista dei cento migliori indirizzi di una città come Roma”, ammettono nell’introduzione gli autori della guida Federico De Cesare Viola e Luciana Squadrilli. “Non solo perché è una città enorme, popolosa e divisa in municipi grandi quanto cittadine; o per lo sterminato numero d’insegne che impone assaggi ripetuti e ragionamenti attenti. Ma anche perché forse mai quanto nel corso degli ultimi dodici mesi sono state davvero tantissime le nuove aperture, gli avvicendamenti, i cambi di rotte e, ahinoi, anche le saracinesche abbassate. Il risultato è una guida piuttosto diversa da quello scorso anno, con cambiamenti importanti anche in cima alla classifica degli indirizzi Top”.

Si riferiscono alla più alta new entry nella classifica dei Cento di Roma 2020, l’Idylio di Francesco Apreda al The Pantheon Iconic Rome Hotel, che si va a inserire al 4° posto, seguendo un podio composto Gianfranco Pascucci con il suo Pascucci al Porticciolo (3° classificato), Heinz Beck al La Pergola, Rome Cavalieri (2° classificato) e Anthony Genovese, in vetta alla classifica con Il Pagliaccio.

Segnaliamo in particolare le new entry di quest’anno: Adelaide all’Hotel Vilòn; Barrique Poggio Le Volpi by Oliver Glowig; Acquolina, The First Roma Arte; Jacopa; F’Orme Osteria; Bunker Kitchen Club; Moi; Atlas Coelestis e la Trattoria Sora Lella. A conferma che i luxury hotel della capitale custodiscono cucine di grande carattere e qualità, ma si inseriscono in un panorama già fertile di insegne tradizionali.

SEZIONE POP – Dalla trattoria alle “stuzzicherie etniche”

In questa sezione si trovano gli indirizzi dove poter tornare ogni giorno, volendo, certi di trovare un luogo che conforta la pancia e lo spirito senza troppo impegno e con un conto che difficilmente sfora i 35-40 euro.

Un insieme eterogeneo, dove si ritrovano trattorie e bistrot contemporanei, enoteche super fornite e pizzerie di tendenza, paninoteche e ramen bar. “L’aria che spira dall’Est – profumata di zenzero, lemongrass e salsa ponzu – ha ormai conquistato del tutto la capitale”, scrive Luciana Squadrilli nell’introduzione. “Ma non per questo l’animo Pop di Roma si limita a parlare giapponese, tutt’altro. È un viaggio attorno al mondo A/R. Da un lato la pizza, che sia quella sottile e scrocchiarella o quella soffice e gonfia, dall’altro l’amore viscerale per i sapori della tradizione che non molla di un centimetro”.

Ecco tre esempi in particolare: Eataly che porta dagli Usa a Ostiense il format Terra, con carne e pesce che dal banco arrivano in tavola passando dalla grande griglia a carbone; a poca distanza Marigold conquista tutti sfornando pagnotte e cinnamon bun (e molto altro) in puro stile nordico; mentre Centocelle si conferma quartiere d’avanguardia popolar-gastronomica con Legs, nuova avventura dedicata a pollo fritto, patatine e panini firmata dal duo di Mazzo. Si aggiungo le altre new entry: Doozo, Enoteca La Mescita, Epiro, La Punta Expendio de Agave, Matière Bar-à-vin, Osteria del Borgo, Piatto Romano, Santi Sebastiano e Valentino, Shiroya, Trattoria L’Avvolgibile – che è anche la migliore trattoria di Roma – e Trattoria Verbano.

Anthony Genovese, chef de Il Pagliaccio (miglior ristorante)

LA CLASSIFICA DEI RISTORANTI 2020

  • 1. Pagliaccio
  • 2. La Pergola – Rome Cavalieri
  • 3. Pascucci al Porticciolo
  • 4. Idylio by Apreda – The Pantheon Iconic Rome Hotel [novità 2020]
  • 5. Per Me – Giulio Terrinoni
  • 6. Metamorfosi
  • 7. Pipero Roma
  • 8. Tordomatto
  • 9. GlassHostaria
  • 10. Aminta Resort by Marco Bottega
  • 11. EnotecaLaTorre– VillaLaetitia
  • 12. Retrobottega
  • 13. ilSanLorenzo
  • 14. Antonello Colonna Resort & Spa
  • 15. Enoteca Achilli al Parlamento
  • 16. Marzapane
  • 17. Il Tino
  • 18. Osteria dell’Orologio
  • 19. Zia Restaurant
  • 20. All’Oro – The H’All Tailor Suite
  • 21. Il Convivio Troiani
  • 22. Salumeria Roscioli
  • 23. Imàgo – Hotel Hassler
  • 24. Osteria Fernanda
  • 25. Adelaide – Hotel Vilòn [novità 2020]
  • 26. Barrique Poggio Le Volpi by Oliver Glowig [novità 2020]
  • 27. Giulia Restaurant
  • 28. Acquolina – The First Roma Arte[novità 2020]
  • 29. Acciuga
  • 30. Marco Martini Restaurant
  • 31. Jacopa [novità 2020]
  • 32. F’orme Osteria [novità 2020]
  • 33. Chinappi
  • 34. The Cesar – La Posta Vecchia Hotel
  • 35. L’Arcangelo
  • 36. Al Ceppo
  • 37. Armando al Pantheon
  • 38. Da Rosario all’Albos Club
  • 39. Livello 1
  • 40. Sushisen
  • 41. Cu_cina Food Roots
  • 42. La Terrazza – Hotel Eden
  • 43. Da Romolo al Porto
  • 44. LaBaia
  • 45. Bistrot64
  • 46. Bunker Kitchen Club [novità 2020]
  • 47. Moi [novità 2020]
  • 48. VyTA Enoteca Regionale del Lazio
  • 49. Atlas Coelestis [novità 2020]
  • 50. Trattoria Sora Lella [novità 2020]

Adriano Baldassarre della Trattoria L’Avvolgibile (migliore trattoria)

I PREMI

Ogni anno la guida I Cento di Roma premia il lavoro dei ristoratori, assegnando riconoscimenti a chi si è maggiormente distinto nel lavoro in cucina e in sala.

Per questa edizione annuale, segnaliamo:

  • Premio “Miglior Ristorante di Roma 2020”, assegnato a Anthony Genovese e al suo Il Pagliaccio
  • Premio Gin Mare “Cocktail & Cucina”, assegnato a Spazio Niko Romito Bar e Cucina
  • Premio Lavazza “Novità 2020”, assegnato a Idylio by Apreda
  • Premio Salvia & Limone “La dolce vita”, assegnato a All’Oro – The H’All Tailor Suite
  • Premio TartufLanghe “Una grande promessa”, assegnato a Francesco Capuzzo Dolcetta di Marzapane
  • Premio Eataly “Miglior Trattoria di Roma 2020”, assegnato a Trattoria Popolare L’Avvolgibile
  • Premio Varvello “La cantina curiosa”, assegnato a Aminta Resort
  • Premio Sparea “In punta di sala”, assegnato a La Pergola – Rome Cavalieri
  • Premio “Osti che sorridono”, assegnato a Trattoria Pennestri

La collana di guide ai ristoranti “I Cento”, edita da Edt, nasce nel 2008 da un’idea di tre critici torinesi – Stefano Cavallito, Alessandro Lamacchia e Luca Iaccarino – e giunge poi a Roma nel 2014, riproponendo la stessa formula.

Very Food Confidential.

Articoli Correlati