LE RICETTE VEGMED: Fiori di zucca in pastella

Nuova ricetta VEGMED! Cliccate qui e scoprite cos’è VegMediterraneo.

FIORI DI ZUCCA IN PASTELLA (ricetta vegana)

I fiori di zucca ripieni in pastella di birra sono ottimi serviti caldi come antipasto. Una vera delizia! Scopriamo la ricetta.

Preparazione: 20 minuti

Cottura: 20 minuti

Difficoltà: bassa

 

INGREDIENTI PER 12 FIORI DI ZUCCA

12 fiori di zucca

100 gr. di pane in cassetta

20 gr. di capperi

prezzemolo

olio extravergine di oliva

sale

 

Per la pastella

200 gr. di farina

2 bicchieri di birra

sale

olio per friggere

Lavate delicatamente i fiori di zucca e asciugateli tamponandoli con della carta assorbente. Allargate i petali del fiore  con delicatezza e disponeteli su un tagliere.

Intanto preparate il ripieno: tagliate la crosta del pane in cassetta e ammorbiditelo con acqua e olio, aggiungete il prezzemolo e i capperi tritati, il sale e amalgamate bene gli ingredienti fino a ottenere una morbida farcitura.

Ora riempite i fiori di zucca con il composto aiutandovi con un cucchiaino.

Richiudete bene i fiori avvitando le punte. Preparate a parte la pastella con la farina e la birra fredda e un pizzico di sale, sbattete con la frusta fino a ottenere un composto semidenso. Passate i fiori di zucca nella pastella appena ottenuta.

Ora  friggeteli in olio caldo fino a doratura. Da servire caldi.

La ricetta è tratta dal libro “La Cucina Mediterranea del Bel Paese: l’Italia vegetariana e vegana”.

Il libro ospita 106 ricette vegetariane e vegane rigorosamente appartenenti alla cucina mediterranea. I piatti sono facili e veloci da eseguire, facilmente reperibili e indicati per chi ha poco tempo da trascorrere in cucina.

Fabiola Dessìhttp://www.fabioladessi.it
"Nasco e vivo in Sardegna fino al 2000. Oggi mi divido tra l’Umbria, dove vivo, e Roma, sede della mia attività principale. Da oltre 25 anni mi occupo di Rebirthing/Breathwork, una delle pratiche più interessanti della medicina olistica la cui tecnica si basa sul respiro consapevole. Con l’introduzione della meditazione e del Rebirthing nella mia vita, ho sentito una naturale e graduale esigenza di abbandonare il consumo di carne e, in seguito, di pesce fino a prediligere i piatti cruelty free. La passione per la buona cucina mi ha portata a scovare i piatti, senza carne e pesce ma anche senza uova e latticini, della nostra tradizione. Durante il viaggio di scoperta ho cucinato tante semplici, veloci nonché gustose ricette che ho raccolto nel mio libro La Cucina Mediterranea del Bel Paese: l’Italia Vegetariana e Vegana. Perché l’ho fatto? Perché amo mangiare in compagnia a prescindere dal credo alimentare di ognuno!"

Articoli Correlati