LE RICETTE VEGMED: Carciofi alla Giudia

Nuova ricetta VEGMED! Cliccate qui e scoprite cos’è VegMediterraneo.

CARCIOFI ALLA GIUDIA (ricetta vegana)

I carciofi alla giudia sono un contorno tipico della cucina giudaico-romanesca diventato simbolo di Roma, città dove è stato inventato. Un po’ elaborati da preparare ma ne vale davvero la pena!

Preparazione: 30 minuti

Cottura: 20 minuti

Difficoltà: media

 

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

4 carciofi romani

1 limone

olio extravergine di oliva

vino bianco

sale

pepe

Pulite i carciofi eliminando le foglie esterne più dure fino ad arrivare a quelle più morbide e mondate il gambo lasciandolo della lunghezza di 5 cm circa. Ora con un coltello affilato rimuovete la parte dura di ogni carciofo dandogli una forma tondeggiante da sembrare un fiore e immergeteli per 10 minuti in una ciotola di acqua acidulata con il succo di limone.

Scolateli e battete la testa del carciofo sul tavolo per far si che le foglie si allarghino, quindi salate e pepate l’interno. In un tegame scaldate a fuoco medio dell’olio in quantità abbondante tale da coprire i carciofi, immergeteli e fateli cuocere per almeno 10 minuti girandoli di tanto in tanto affinché si dorino in modo omogeneo.

Con una forchetta controllate la morbidezza dei carciofi, quando saranno teneri potete toglierli dall’olio, quindi scolateli su carta da cucina lasciandoli raffreddare capovolti.

Con una forchetta aprite le foglie dei carciofi e bagnateli con del vino bianco.

Ora immergeteli ancora per un minuto nell’olio a fuoco alto facendo attenzione a non bruciarli. Salate, pepate e servite ben caldi.

La ricetta è tratta dal libro “La Cucina Mediterranea del Bel Paese: l’Italia vegetariana e vegana”.

Il libro ospita 106 ricette vegetariane e vegane rigorosamente appartenenti alla cucina mediterranea. I piatti sono facili e veloci da eseguire, facilmente reperibili e indicati per chi ha poco tempo da trascorrere in cucina.

Fabiola Dessìhttp://www.fabioladessi.it
"Nasco e vivo in Sardegna fino al 2000. Oggi mi divido tra l’Umbria, dove vivo, e Roma, sede della mia attività principale. Da oltre 25 anni mi occupo di Rebirthing/Breathwork, una delle pratiche più interessanti della medicina olistica la cui tecnica si basa sul respiro consapevole. Con l’introduzione della meditazione e del Rebirthing nella mia vita, ho sentito una naturale e graduale esigenza di abbandonare il consumo di carne e, in seguito, di pesce fino a prediligere i piatti cruelty free. La passione per la buona cucina mi ha portata a scovare i piatti, senza carne e pesce ma anche senza uova e latticini, della nostra tradizione. Durante il viaggio di scoperta ho cucinato tante semplici, veloci nonché gustose ricette che ho raccolto nel mio libro La Cucina Mediterranea del Bel Paese: l’Italia Vegetariana e Vegana. Perché l’ho fatto? Perché amo mangiare in compagnia a prescindere dal credo alimentare di ognuno!"

Articoli Correlati