DIECI PICCOLI COCKTAIL: Il Patchanka

Quale migliore occasione dell’estate per conoscere, scoprire, amare e degustare alcuni cocktail rinfrescanti e realizzabili (volendo) anche in casa?

Abbiamo quindi pensato ad una serie di dieci piccoli cocktail (ogni riferimento non è casuale) che di settimana in settimana ci accompagneranno per tutta la stagione estiva in un viaggio tra cocktail, musica e sapori.

Per farlo nel migliore dei modi, abbiamo chiesto aiuto a Ilaria Bello, barlady del Talea di Torvaianica e vincitrice di diversi titoli e più volte tra i migliori Bartender d’Italia. Sarà proprio lei a guidarci tra alcuni cocktail di sua invenzione ma che con facilità potremo riproporre anche in casa. Oggi ce ne propone uno di ispirazione multietnica… il Patchanka.

Spesso quando si creano drink con prodotti che non appartengono alla nostra cultura, si cerca di studiarne le radici, le usanze, i profumi e i sapori autoctoni di quel luogo. Ma come sempre, se invece di ricreare delle atmosfere esotiche e lontane attraverso il drink, cercassimo di fare nostri gli ingredienti sposandoli con la tradizione del bere in Italia?

Proprio da questo semplice concetto nasce Patchanka, un drink che racchiude in sé la magia del folclore cubano e la tradizione liquoristica Italiana.

Sappiamo benissimo che il Vermouth e il Bitter sono i pilastri della nostra miscelazione e sono anche perfetti per un matrimonio con il Black Tears cuban spiced, un rum che racchiude all’interno il modo di vivere cubano fatto di emozioni forti e tanta musica.

Anche se può sembrare strano, questo cocktail è decisamente musicale, passiamo con disinvoltura dallo splendido Lacrimas Negras (qui nella versione di Compay Segundo) canzone simbolo di Cuba con una straordinaria miscela di mambo flamenco, jazz afro cuban. Ma non possiamo non ricordare l’intero album di Manu Chao con la sua Mano Negra un brano potente e ritmato (qui) che ci ricorda quanto la Patchanka rappresenti questa incredibile miscela di culture, ritmi e passione.

Nel nostro mix di culture e sapori, il caffè, le fave di cacao e l’aji dulce si fondono con il vermouth e il bitter creando un armonia di sapori unica e rinfrescante. Ma passiamo alla ricetta.

PATCHANKA

  • 4 cl Black Tears Cuban Spiced

  • 2 cl Vermouth Oscar 697 rosso

  • 2 cl Bitter

  • 1 spoon di marmellata di arance amare

  • Un pizzico di peperoncino

  • 2 drops di chocolate bitter

 

Very Cocktail Confidential. Very Food Confidential.

Paolo Campanahttp://www.bloggokin.it
Nasco grafico, disegnatore e a volte fumettista. Ho fame. Ho fame e sono curioso di capire e scoprire la storia che si nasconde dietro ogni singolo piatto, cocktail, vino o birra. Affascinato dalla rete e dalle sue dinamiche, ho aperto un blog tredici anni fa quando non era una moda, ho scritto di tutto, dal design alla grafica, dall’arte al disegno, dalla fotografia al food (ovviamente) ma ho mantenuto sempre alta la passione per la creatività, quella sana e vera. Quella che con il tempo e le numerose collaborazioni ho trovato nel piatto. L’ho già detto che ho fame?

Articoli Correlati