IGINIO MASSARI sbarca a TORINO

Iginio Massari sbarca nel capoluogo piemontese. Dopo il successo ottenuto a Milano, si esprimerà anche a Torino. Il luogo non è stato svelato, ma sicuramente sarà in centro città. Si vocifera che possa trattarsi degli storici locali di ‘Caval d’Brons’ in piazza San Carlo, ma è ancora tutto top secret.

E prima di palesare la sua nuova apertura, il maestro bresciano omaggia Torino con la Cake della Mole.

E’ partito infatti il roadshow in giro per l’Italia, “Meet Massari 2019”, proprio dalla città sabauda, la  patria del Gianduiotto e il luogo d’elezione della pasticceria mignon italiana.

Durante questo primo incontro, Massari ha presentato alla platea una nuova ricetta, la Cake della Mole, dedicata a Torino e alla sua specialità, il Gianduiotto, e ha interpretato altre due ricette della pasticceria italiana, il Maritozzo e il Babà, accompagnato dal maestro Fabrizio Galla, che ha presentato la Torta Langarola.

Per la realizzazione delle ricette il Maestro Massari ha utilizzato la nuova linea di farine LeDivine del Molino Dallagiovanna per valorizzare al massimo il Made in Italy e l’italianità delle materie prime.

LeDivine è la linea di farine da grano italiano, novità 2019, ispirata al cinema e all’universo femminile in tre varianti di tipo 00: Sofia, una farina più debole, Monica, una farina di media forza e Anna la farina più forte.

“Non creo nulla ma mescolo usando il cervello! Il creatore è un’altra entità. In cucina bisogna avere ben chiaro il risultato si vuole ottenere per sapere che ingredienti usare” sottolinea Massari al pubblico dell’incontro.

La ricetta base di un prodotto, secondo Massari, deve rispettare il nostro benessere innanzitutto con la salubrità del cibo. Ed è indispensabile, per fare questo, nel nuovo mondo del dolce, che le persone diventino più competenti sulle materie prime.

Massari, nella pasticceria piemontese, non ha un dolce preferito, ma assaggia tutto. “Il professionista, spiega, deve tralasciare quello che piace o non piace e trovare invece il positivo e il negativo per migliorare, ricordando che il dolce deve piacere agli altri.”

Il Maestro, dopo aver eseguito le sue ricette, aggiunge: ‘La competenza viene dalla grande esperienza’, e racconta di come all’inizio della sua carriera cuoceva i dolci nel forno a legna provando la temperatura con la mano o con l’ausilio della farina. Oggi la tecnologia risolve mille problemi.

I prossimi appuntamenti del Meet Massari 2019 saranno di scena a Firenze il 27 maggio e l’ultima tappa è prevista a Palermo il 23 settembre.

Noi di Food Confidential intanto aspettiamo la sua nuova pasticceria a Torino con tanta curiosità!

 

di Chiara Spagarino (“cosaporto city manager” di Torino).

Articoli Correlati