Grande fermento per la decima edizione dello SparkleyDAY 2018, l’evento promosso dalla rivista Cucina & Vini  in scena sabato 2 dicembre nelle sale dell’Hotel Westin Excelsior a Roma.

2017-11-28-PHOTO-00000440

Sono le 300 etichette che SparkleDAY 2018 presenta a Roma sabato 2 dicembre, in occasione della decima edizione dell’appuntamento promosso dalla rivista Cucina & Vini e aperto a tutti, esperti e appassionati. Un grande banco d’assaggio che riunisce 70 aziende top provenienti da tutta la Penisola, compresi i principali distretti spumantistici e quelli emergenti, per celebrare questo autentico fenomeno del made in Italy enologico che, solo sul fronte delle esportazioni nel 2016 ha registrato un giro d’affari di 1,2 miliardi di euro per 450 milioni di bottiglie vendute.

Protagoniste della giornata le bottiglie di oltre settanta aziende top provenienti da tutto lo Stivale per un totale di circa trecento etichette.

Come di consueto, la kermesse si aprirà con la presentazione dell’ esclusiva guida nazionale di settore Sparkle 2018, edita da Cucina & Vini che da sedici anni fotografa il mondo degli spumanti secchi in Italia, e l’assegnazione delle ambite 5 Sfere.

no

“Anche quest’anno – sottolinea Francesco D’Agostino, direttore di Cucina & Vini e curatore di Sparkle –   offriamo ai winelover un’imperdibile occasione per conoscere da vicino il fantastico mondo delle bollicine, ma soprattutto trasformiamo Roma, per un giorno, nella capitale dello sparkling italiano d’eccellenza, un comparto che più di tutti cresce sul fronte della qualità e della quantità”.

Il sistema Prosecco, infatti, si appresta a vivere un’altra stagione di record viaggiando verso il mezzo miliardo di bottiglie, mentre la nuova Garda Spumante Doc prevede di arrivare in tempi brevi a certificare oltre venti milioni di bottiglie così come la Docg Asti con la versione dry, meglio nota come Asti Secco. Sono vini collocati su una fascia di prezzo simile, perché si tratta di spumanti prodotti col metodo Martinotti (o Charmat, si tratta di  un procedimento atto a produrre vino spumante mediante la rifermentazione in un grande recipiente chiuso chiamato autoclave) e che rappresentano tre espressioni territoriali completamente diverse.

 “Dal 2003 – aggiunge D’Agostino – abbiamo assistito a una vera escalation dei consumi totali nel mondo, passati da 1,18 miliardi di litri nel 2003 a 1,54 dieci anni dopo, con un incremento del 40%, mentre il vino fermo nello stesso periodo è cresciuto del 4% (dati Oiv). Anche sul fronte delle esportazioni, le bollicine italiane registrano grandi performance che, con un po’ di ottimismo, potrebbero chiudere il 2017 con 1,35 miliardi di euro di fatturato e 500 milioni di unità”.

Accanto alla degustazione delle bollicine ci saranno quattro postazioni food, dedicate rispettivamente al pesce, con Meglio Fresco (crudi, ostriche, insalate di mare, fritti), alla pasta, con Meraviglie in Pasta, alle bontà della cucina siciliana, con Orlando Sapori di Sicilia (Kebab di pesce spada, la caponata, il cannolo siciliano e la cassata) ed il  binomio salumi-formaggi con Optymum, da affiancare alle etichette in degustazione.

Info utili: 

Sparkle Day 2018
Sabato 2 dicembre
Hotel Westin Excelsior, Roma
Dalle 16 alle 22

Ingresso: €15 (include calice e sacca porta bicchiere)

Ingresso €10* agli Associati Ais, Ars, Fis, Fisar, Onav. Per usufruire della riduzione sarà necessario esibire la tessera associativa in biglietteria.

06 98872584
info@cucinaevini.it

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteMARCELLO, aperitivi trendy nel cuore di St. Germain – Au Resto
Articolo successivoCallipo 1913: apre a Cosenza il primo tonno flagship store
Eccomi qui con la mia terra nel cuore: pugliese di Roma, sono giornalista pubblicista, comunicatrice e manager di eventi, press e social media. Sono laureata in giurisprudenza e ho lavorato in contesti multinazionali e professionali con alti livelli di performance . Da sempre attenta ai trend comunicativi degli eventi e della moda, oggi mi occupo anche di comunicazione nel settore enogastronomico. Il mio lavoro e' una passione che porto nel cuore, come la mia terra, e sono pronta a mettere le mie competenze e la mia energia al servizio di progetti di alto livello qualitativo.