TOO GOOD TO GO: l’app per ridurre gli sprechi alimentari

Ogni anno in Italia vengono gettate via 20 milioni di tonnellate di cibo, uno spreco che in termini di spesa corrisponde a €15 miliardi l’anno, l’equivalente dello 0.9% del nostro PIL. Lo spreco avviene in tutte le fasi della filiera, dalla produzione al consumo domestico.

Nelle case degli italiani 27,5 kg di cibo finiscono, ogni anno, nella spazzatura. Tra gli alimenti più sprecati figurano verdura e latticini.

Too Good To Go: anche in Italia arriva l'app contro lo spreco ...L’app Too Good To Go nasce in Danimarca e approda in Italia il 25 marzo 2019. Recupera interi container e bancali di cibo destinati alle discariche, dando ai consumatori l’opportunità di acquistare prodotti in scadenza a fine giornata, a prezzi più che convenienti. Ad oggi hanno aderito circa 4mila store ed esercizi pubblici, più un milione di clienti sensibili al recupero delle eccedenze.

Lo stand-by dell’horeca e il crollo improvviso della domanda da parte di ristoratori, mense aziendali, scolatiche, e di tutti gli eventi che prevedono il consumo di cibo fuori casa, ha generato un affastellamento di prodotti derivanti dalla food-industry.

Il lockdown ha traslato il problema delle eccedenze alimentari dal Retail a tutto il comparto industriale, e ciò si è tradotto in un riadattamento dell’attività della app alle nuove esigenze del mercato. In Italia, infatti, il tradizionale modello di business è stato affiancato da un nuovo canale che prevede la raccolta dell’invenduto tra negozi e ristoranti. La grande novità, infatti, consiste nella raccolta diretta dalle aziende. Le eccendenze vengono scontate del 70% e vengono sistemate nelle Magic Box, selezioni di prodotti provienenti da bar che hanno cucinato troppi prodotti freschi che non possono essere conservati o da ristoranti che non hanno venduto tutto il cibo che hanno preparato.

La ripartenza non ha modificato le abitudini di vita. Lo smart working prende piede, il turismo è lontano dai numeri pre-Covid e c’è molta diffidenza nei confronti della ristorazione e dei contatti esterni, col risultato che nei negozi e nei locali continua ad esserci troppa merce invenduta. Questo significa: stesso problema, ma in un contesto diverso. Nonostante il sistema “Too Good To Go” non fosse destinato a gestire volumi così importanti e difficoltà complesse legate alla logistica, il sistema dei pick-up point ha permesso di gestire agevolmente anche la vendita dei prodotti freschi.

Come funziona Too Good To Go, per comprare a fine giornata il cibo ...

Questo nuovo assetto sopravviverà all’emergenza sanitaria e ai mesi estivi, anche quando tutto rientrerà a regime l’azienda continuerà a collaborare con le industrie alimentari, dietro cui si celano milioni di sprechi dovuti alle cause più svariate. Non sono previste formule di abbonamento, ma c’è libertà di fruizione del servizio e una percentuale di incasso su ogni Magic Box venduta. Nel 2019 sono state vendute più di 250mila Magic Box, 50mila nelle arie metropolitane di Roma e Milano.

Porgiamo i nostri migliori auguri a questa azienda per l’anno in corso e per quelli che verranno, con l’auspicio che lo spreco alimentare possa rasentare lo zero al più presto.

 

Very Food Confidential!

 

Benedetta Ercolino
Ho un nome un po’ lungo che nessuno pronuncia mai per intero, a riprova del fatto che nasciamo tutti pigri e pervasi di creatività. Sono un perito grafologo con una laurea in graphic & communication design, storytelling , product e packaging design. Scrivo storie per passione e ballo salsa per dimenticare la pasta scotta che ho dovuto buttar giù per educazione. Amo la buona cucina e le persone accurate, che trasformano in arte anche una semplice pasta olio e parmigiano.

Articoli Correlati