GUY SAVOY, tre stelle con vista alla Monnaie de Paris – AU RESTO’

Dove?

La Monnaie è un simbolo. Affacciata sulla Senna, vicina del museo d’Orsay e dirimpettaia di quello del Louvre, da qualche tempo si è rifatta il look e ora compare tra i centri espositivi più gettonati della capitale, come provato dalle code all’ingresso della mostra sui gioielli di Boucheron. Cortili e sale si rincorrono mentre il fiume scorre, i bouquinistes aprono le minuscole botteghe di colore verde e le antiche monete che hanno fatto la storia aspettano i visitatori nelle sale del nuovo Musée 11 Conti.

Guy SAVOY hall escalier d'honneur 2 (c) Laurence MOUTON

Guy SAVOY et sa brigade 2 (c) Laurence MOUTONAi fornelli e in sala

Nelle sei sale, tutte declinate nei toni del grigio (per attirare lo sguardo sul panorama oltre i vetri e sulle creazioni in arrivo dalla cucina), si muove un esercito che arriva anche a 65 persone, portando il rapporto fra staff e clienti a 1 a 1. Sì, proprio così, un cameriere per ognuno dei 65 ospiti della tavola considerata la migliore al mondo secondo la Liste, sintesi dell’eccellenza gastronomica planetaria. Sulle tovaglie bianche i piatti di benvenuto sono firmati da Virginia Mo e ispirati al sorriso che prende forma con tratti di colore. Il servizio da tavola è in porcellana di Limoges, disegnato dalla Maison Bernardaud in collaborazione con Bruno Moretti e studiata per mettere in valore le creazioni dello chef. Ai fornelli c’è un mito la cui fama è inversamente proporzionale alla sua vanità. Guy Savoy, il più blasonato chef francese, ama raccontare aneddoti, evocare la sua infanzia e soprattutto mangiare bene. Dal passato arriva il suo amore per la materia prima, che trasforma da bene commestibile a piacere per il palato senza stravolgimenti.

Salon Vert Galant 4 (c) Laurence MOUTON

Perché?

Inutile dilungarsi sulla qualità, o sul risultato. Se si è disposti a spendere parecchie decine di euro per un pasto, non c’è dubbio che sarà di altissimo livello. Ma perché farlo proprio qui? Perché già oltre la porta di ingresso comincia il viaggio in un universo parallelo. Fatto di opere d’arte appese ai muri, di frasi luminescenti alle pareti, di corridoi deserti sui quali si aprono stanze private, come in una sontuosa dimora nel cuore di Parigi. Per poter vivere un’esperienza unica non soltanto per il palato, ma anche per gli occhi e per lo spirito. Oltre che per riconoscere nel piatto qualcosa di familiare e di farlo in totale armonia. Qui si apprende e si comprende, non si mangia soltanto. E poi perché il pasto si conclude con una serie di dolci infinita, seguita dal caffè servito nella tazza con sorpresa di Bernardaud.

L’exotique, fine coque rafraîchie à l’ananas © Laurence Mouton

Da non perdere

L’homard bleu et vert, preparata con una mousse leggera di aragosta, tartare di avocado e mela verde al profumo di lime, servita con un medaglione di aragosta in camicia e purea di avocado. Le pommes de terre mitrailles confites e farcite di caviale. Œuf en sabayon fumé con patate croccanti. Il magret de canette maturato per quattro settimane e marinato alle spezie dolci. L’exotique proposto al dessert e presentato come una sottile sfoglia di meringa con tartare di ananas.

homard bleu et vert... © Laurence Mouton

Piatto culto

La crema di carciofi al tartufo. Per acclamazione popolare. Si tratta di un piatto che arriva dalla sua infanzia e che è entrato ormai nella storia della Maison. A tavola, Guy Savoy presenta questa vellutata preparata con carciofi cotti nel brodo di tartufo, servita con tartufo nero e parmigiano, accompagnata da una brioche di pasta sfoglia agli champignons e burro di tartufo.

Soupe d'artichaut à la truffe noire, brioche feuilletée 1 - Design de la vaisselle par Bruno Moretti (c) Laurence MOUTON.jpg

Prezzi

250€ à la carte, 415€ menu « Couleurs, Textures et Saveurs », con 12 portate. Ogni giorno, esclusivamente sul sito, un tavolo viene proposto per il servizio di mezzogiorno a 130€ a persona per un menu di entrée, piatto e dessert, con calice di vino da 10€.

Portrait Guy Savoy BEST OF ©Laurence MOUTON

Photo Credit Laurence Mouton

Guy Savoy – La Monnaie de Paris, 11 Quai de Conti. Tel. +33 (0)1 43 80 40 61

Facebook: www.facebook.com/thetraveldesignerita