Il gusto italiano, l’#ItalianTaste, è il quinto elemento che il Ministero degli Affari Esteri e gli Ambasciatori del Gusto promuovono nel mondo attraverso la seconda edizione della Settimana della Cucina italiana. Tra le oltre cento Ambasciate che celebrano prodotti, creatività e sapori italiani grazie alla partecipazione di alcuni dei migliori chef, Cristina Bowerman, presidente dell’Associazione Ambasciatori del Gusto, ha accolto l’invito a Tel Aviv di Gianluigi Benedetti, ambasciatore italiano in Israele.
“La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo è un appuntamento molto importante per il mondo della ristorazione del nostro Paese, a cui non possiamo mancare. – ha dichiarato Cristina Bowerman – Anche quest’anno gli Ambasciatori del Gusto hanno risposto con grande entusiasmo all’appello del Governo e siamo in tanti a rappresentare all’estero il gusto italiano”.
Cristina Bowerman
Cristina Bowerman
La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo promuove nel panorama internazionale le tradizioni culinarie ed enogastronomiche italiane quali segni distintivi dell’identità e della cultura del nostro Paese. Si tratta non solo di cene e di degustazioni ma anche di corsi di cucina ed esibizioni di Chef oltre a  seminari sui metodi di certificazione dei prodotti italiani, mostre d’arte e di fotografia, proiezioni cinematografiche.
Dopo un’inaugurazione di Gala alla Residenza dell’Ambasciatore italiano e dopo una master class all’Hotel Hilton, domani, mercoledì 22 novembre, Cristina Bowerman partecipa come ospite d’onore al talk PINK TWICE – Food. Women. Empowerment
Una platea di donne che hanno scelto il cibo per migliorare la vita e costruire ponti sarà coinvolta nella discussione da Nerina Di Nunzio, sul palco con Nof Atamna-Ismaeel, vincitrice Masterchef Israel 2014 (Israele), Arianna Fornaciai, artista e imprenditrice (Israele), Giulia Gallichi Punturello, Chef privata kosher (Israele), Zoar Meroni Shmueli, Fondatrice e Ceo Shmueli Catering e altri business nella ristorazione (Israele).
La Settimana della Cucina Italiana in Israele è organizzata dall’Ambasciata d’Italia in Israele, dall’IIC di Tel Aviv e di Haifa, dall’Agenzia ICE – Israele, dalla Camera di Commercio, dall’Industria Israel-Italia e dall’Accademia Italiana della Cucina, in collaborazione con Food ConfidentialBishulim – The Israeli Institute of Culinary Arts, Hilton Hotel, Ristorante Chloelys, Beit Kandinoff e Cineteca di Tel Aviv.
Il programma degli eventi prevede:
Mercoledì 22 novembre, ore 10.00
Masterclass della Chef Cristina Bowerman
Bishulim – The Israeli Institute of Culinary Art HaZerem Street, Tel Aviv
Mercoledì 22 novembre, ore 18.00
Panel e Networking: “PINK TWICE – Cibo. Donne. Empowerment”.
Donne che hanno scelto il cibo per migliorare la vita e costruire ponti.
Intervengono Nof Atamna-Ismaeel, vincitrice Masterchef Israel 2014 (Israele); Cristina Bowerman, Chef stellata Michelin (Italia); Arianna Fornaciai, artista ed imprenditrice (Israele); Giulia Gallichi Punturello, Chef privata kasher (Israele); Zoar Meroni Shmueli, Fondatrice e Ceo Shmueli Catering (Israele).
Modera: Nerina Di Nunzio, Direttore IED Roma e Fondatrice di Food Confidential
Beit Kandinoff, 14 HaZorfim Street, Giaffa, Tel Aviv
Giovedì 23 novembre, ore 10.30
“Un Master Chef al Shuk”: Tour culinario italiano al Shuk HaCarmel con il vincitore di Master Chef Israele, Massimiliano Di Matteo.
Giovedì 23 novembre, ore 18.30
Chef Victor Gloger ospita Chef Cristina Bowerman per una cena speciale al ristorante Chloelys (kasher)
Hotel Hilton, 205 HaYarkon St., Tel Aviv
Venerdì 24 novembre, ore 10.30
“Brunch accademico”
Brunch all’italiana con formaggi italiani di qualità e vino rosso e la presentazione del libro “Carciofi alla Giudia” di Elisabetta Fiorito (Mondadori)
La Repubblica di Ronimotti, 3 Maze St., Tel Aviv
Domenica 26 novembre, ore 17.30, Cineteca Tel Aviv, Sala 2
“Barolo Boys – Storia di una rivoluzione” (Italia, USA 2014)
Proiezione del film documentario di Paolo Casalis e Tiziano Gaia (in italiano e inglese con sottotitoli in inglese).
Il meraviglioso paesaggio delle Langhe fa da sfondo alla storia di un gruppo di amici, i “ragazzi ribelli” che hanno reso grande il Barolo, tra conflitti generazionali, geniali intuizioni e polemiche mai sopite.

CONDIVIDI
Articolo precedenteApre Fico. Il nuovo parco alimentare più grande al mondo
Articolo successivoGino Sorbillo presenta Pizzaman: storia di un pizzaiolo super.
Eccomi qui con la mia terra nel cuore: pugliese di Roma, sono giornalista pubblicista, comunicatrice e manager di eventi, press e social media. Sono laureata in giurisprudenza e ho lavorato in contesti multinazionali e professionali con alti livelli di performance . Da sempre attenta ai trend comunicativi degli eventi e della moda, oggi mi occupo anche di comunicazione nel settore enogastronomico. Il mio lavoro e' una passione che porto nel cuore, come la mia terra, e sono pronta a mettere le mie competenze e la mia energia al servizio di progetti di alto livello qualitativo.