Bath può essere un’ottima fermata mentre si viaggia verso la Cornovaglia partendo da Londra. Così è stato per noi che abbiamo scelto di visitare questa bellissima cittadina, prima  di immergerci per una settimana nel magico mondo dei surfisti.

Conosciuta per le acque termali Bath è oggi Patrimonio dell’Unesco: un luogo elegante, curato, con negozi interessanti di stilisti indipendenti, designer, artigiani, vie deliziose con fiori e aiuole e un divertente mercato posto al centro, proprio accanto alla grande abbazia.

Però qui parleremo di cibo e in particolare di una steakhouse che abbiamo scovato per caso e della quale ci siamo innamorati: The Heard.

Arrivando si è accolti dal bianco e nero dei muri e degli arredi, da mucche sorridenti e invitanti scritte che spiegano il percorso per raggiungere la sala ristorante, che è qualche piano sotto l’entrata ma, in realtà sempre a livello della strada se si entra da lato del fiume che attraversa la città.

I camerieri sono giovanissimi ragazzi internazionali, il nostro è italiano ovviamente e ci accoglie con il suo inconfondibile accento pugliese e i suoi dreadlocks. Siamo in 4, siamo appena arrivati da un lungo viaggio e ordiniamo un formaggio “allumi” grigliato per assaggiare un antipasto e poi una T-bone, due filetti di manzo e un carpaccio.

Credits from Bath Food Love Facebook Page
Credits from Bath Food Love Facebook Page

Davvero la qualità della carne è molto alta, la cottura perfetta e i contorni ben preparati e saporiti, soprattutto le nostre patate e gli spinaci. Da qui in poi in Inghilterra mangeremo tantissime patate, cucinate in molti modi diversi…

Direi che il posto è perfetto, divertente, allegro con molta scelta nel menu, a loro detta, tutta la carne proviene da mandrie locali di Aberdeen Angus e i loro macellai di fiducia si occupano della frollatura, facendo maturare la carne da 21 a 28 giorni.

Credits from Bath Eats Facebook Page
Credits from Bath Eats Facebook Page

Da bere troverete una piccola selezione di birre locali come la Bath Ales Gem, alcune birre industriali anche la Peroni Gran Riserva Doppio Malto, vino e cidro.

Nel 2016 The Herd Steak Restaurant è stato votato come migliore steakhouse di Bath.

Indagando a fondo sulla storia del locale, abbiamo saputo che i due proprietari hanno in parte origine italiana e hanno un’interessante storia imprenditoriale che li vede protagonisti di diverse storie di successo proprio nella cittadina di Bath.

Stiamo parlando di Timothy Coffey e Francesca Addobbo che hanno aperto a Bath uno dei più grandi ristoranti italiani della zona il Joya e altre due realtà molto ben frequentate The Real Italian Pizza Company e The Real Italian Ice Cream Company.

Se siete a Bath e avete voglia di una bistecca The Heard è il posto giusto.

Buon viaggio e buon appetito.

INFO: THE HERD RESTAURANT– Visit BATH

CONDIVIDI
Articolo precedenteLu Capucanali a Taranto – Marina di Lizzano si vendemmia
Articolo successivoMade in Malga e 10 anni di Asiago DOP
I miei piatti preferiti? Pizza, gelato e tutto quello che è giapponese. Oggi sono il DIrettore di IED ROMA, sono un avvocato pentito, esperta di marketing digitale e comunicazione, per 7 anni sono stata direttore Marketing e Comunicazione del Gambero Rosso e del Master in Giornalismo Enogastronomico, ho fondato l'agenzia di comunicazione e social media strategy Food Confidential e ho diretto per due anni la Scuola di Cucina della rivista La Cucina Italiana del Gruppo Condé Nast. In realtà vado anche pazza per il cioccolato e sono assaggiatrice esperta di birra e vino! Super appassionata di viaggi, arte e design. La prossima sfida? Tra poco!