Un ristorante sotto al mare, per l’esattezza il più grande del mondo mai costruito interamente sott’acqua, è il progetto dell’imprenditore norvegese Gauto Ubostad.

Per lanciare questo messaggio e soprattutto per celebrare la mostra dell’artista S.Manneraak: Norwegian Hallucinations Roma 2017, Gauto Ubostad ha offerto una strepitosa cena a base di crostacei e pesce ad un meravigliato e selezionato pubblico di amici e giornalisti, in un ambiente riservato dell’Enoteca Spiriti che affaccia su Piazza di Pietra a Roma.

dinner_pics116
Gauto Ubostad

Ubostad ha impegnato un team di cuochi norvegesi e internazionali, alcuni di questi con esperienza a El Bulli per proporre un menu tutto norvegese da abbinare a una selezione di vini italiani del nostro sud, della Cantina Rocca dei Sanniti di Benevento:

dinner_pics083

MENU

Capesante con erbe del mare sago e bottarga – Fiano di Avellino 2015;

Aragosta e gamberoni, crema di aragosta, mele e crescione – Beneventano Falanghina 2015;

Merluzzo con cavolo invernale, purè di patate con formaggio affumicato, porri grigliati e patatine – Greco di Tufo 2015; Campania Aglianico 2013;

Lamponi di Vintland con crema di yogurt – Falanghina Vendemmia Tardiva e affinamento in barrique 2015.

Una cucina elegante e coinvolgente che racconta il territorio norvegese con tutti i suoi dettagli: profumi, colori, consistenze e un abbinamento felice con le note solari dei vini di Benevento.

Gauto Ubostad in questa occasione ha annunciato l’apertura del suo ristorante sotto il mare, un locale disegnato dagli architetti del noto studio Snøhettadal quale si potranno ammirare le profondità del mare attraverso enormi vetrate trasparenti e dove i pesci e i fondali si confonderanno con l’ambiente interno. Il ristorante si chiamerà Lindesness Undervann  e sarà ubicato nel punto più a sud della penisola scandinava, immerso nel mare cristallino del nord e destinato a diventare un punto di riferimento dell’alta cucina nordica contemporanea.

Durante la cena i due artisti: Ingvild Kongsvik e Lars Jakob Rudjord si sono esibiti con il canto e le musiche seducenti di una hulder, creatura femminile, bellissima e con poteri sovrannaturali, che troviamo nei racconti della tradizione popolare norvegese aggiungendo alla serata una nota magica e surreale.

E’ stato possibile realizzare questa prima mostra a Roma dell’artista norvegese Svein Manneraak e questa cena foriera di notizie che migliorano il panorama ristorativo mondiale su iniziativa di Eva Kristin Urestad e con il coinvolgimento di Francesca Anfossodella di 28 Piazza di Pietra – Fine Art Gallery , ringraziate più volte dall’Ambasciata di Norvegia a Roma attraverso i canali di comunicazione ufficiali.

Svein Manneraak & Gauto Ubostad
Svein Manneraak & Gauto Ubostad

L’Ambasciatore Bjørn T. Grydeland inaugurando la mostra ha descritto i quadri di Manneraak con queste parole: “Attraverso le sue opere Manneraak ci porta in un affascinante viaggio nella natura nordica. Allucinazioni norvegesi ci attira nei paesaggi incantati della “Terra del Sud” – Sørlandet, con i quadri pieno di colori, abitate da figure magiche e fiabesche”.

Anche il cibo di questa cena ha contribuito a rafforzare l’atmosfera del viaggio e metterci nel cuore un desiderio forte di scoperta di questi luoghi incantati.

INFO MOSTRA: “Norwegian Hallucinations” 28 Piazza di Pietra – Fine Art Gallery, Roma Fino al 30 aprile.

Ambasciata di Norvegia: www.amb-norvegia.it

Lindesnes Havhotell: www.havhotellet.no